Due parole sul bosone

In realtà Higgs, il Modello standard e la “particella dio” non c’entrano un cazzo. Solo che ho sempre sognato usare la parola bosone da qualche parte. E così.
Mia nonna mi ha chiesto perché mi fossi tatuato Auf Wiedersehen su un avambraccio. Io le ho risposto che era stato un modo come un altro per chiudere con una fidanzata di Friburgo. Mia nonna non ha ritenuto fare altre domande.

A dire il vero il tatuaggio recita Aufgehoben. Che è il nome di un gruppo, misconosciuto per quanto eccezionale. Ed è di loro che volevo parlare, oltre che del bosone, e del loro sesto strepitoso album, “Fragments of the marble plan”, uscito nel 2012 su Holy Mountain. Arrivo tardi, vero. Però. Premesso che amo questa band più del mio cane, occorre anche dire subito che trattasi di formazione dal suono radicale, duro in senso quasi fisico e senza compromessi che sarebbe meglio nessuno ascoltasse mai. Per cominciare, una citazione, quella del giornalista inglese Peter Marsh, il quale afferma che «se sapete cos’ha fatto Francis Bacon al ritratto di Innocenzo X di Velazquez, allora avrete un indizio su ciò che gli Aufgehoben stanno facendo alla musica rock». Comunque, gli Aufgehoben esistono dal 1999 ma non hanno mai fatto nulla per rendersi minimamente visibili, niente promozione, davvero pochi concerti (credo tipo sei in tutto, di cui solo uno fuori dall’Inghilterra). Sono di Brighton e si chiamano Stephen Robinson (batteria, processing), Phil Goodland (batteria) e David Panos (elettronica). Col secondo album (“Magnetic Mountain”, del 2001) si aggrega anche il chitarrista Gary Smith – veterano della scena improvvisativa inglese – e col terzo, “Anno fauve”, da Aufgehoben No Process che erano diventano semplicemente Aufeghoben (parola tedesca che significa “superato”, utilizzata anche da Hegel quando affermava che la sintesi “superava” tesi e antitesi). Li hanno paragonati a Skullflower, God, Swans, Merzbow, Lightning Bolt, ma non mi sembra che alcuno di questi nomi faccia al caso nostro (io piuttosto tirerei in ballo Boredoms, This Heat, o dei Supersilent sotto anfetamina…). Il loro cattivissimo power noise rock è ostile come delle bestie feroci meccaniche ingabbiate a forza tramite livelli di distorsione, percussioni pietrose e un ampio spettro di sovratoni prodotti dalle corde della chitarra graffiate e scorticate. Perché tutto ciò dovrebbe piacere a qualcuno? Non lo so, eppure il fascino di questa musica scientificamente e geometricamente rabbiosa ha un che di patologico. E comunque, si tratta anche di un suono che, pur decisamente ostico, sotto la scorza grezza si rivela ascolto dopo ascolto molto finemente modulato e mai fine a se stesso, evolvendosi peraltro fortemente nel corso degli anni. Dimostrazione ne è appunto l’album “Fragments eccetera”. Se, per dirne uno, “Anno Fauve” sembrava aver allentato leggermente la morsa corrosiva della band, questo album la ricompatta. Percussivo e anarchico, “Fragments eccetera” si libera di qualsivoglia schema e forma rock per farne un’ascia bipenne con cui sfrondare i nostri nervi. “Carta, pietra, elettronica, due batterie, una chitarra mono, nessun basso, nessun overdub, nessun nessun nessun processo” – oltre all’usuale avvertenza che “ancora una volta gli Aufgehoben non accettano responsabilità per danni alla salute o all’impianto stereo” – è tutto quello che, più o meno uguale nel tempo, abbiamo trovato nelle note di copertina dei primi cinque dischi. Ora queste avvertenze spariscono (a parte l’avvertenza sui possibili danni alla salute – e veniamo informati che l’album (acquistabile solo sul sito del gruppo) è stato prodotto dagli Aufgehoben insieme alla Commissione per la pubblica sicurezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...